trento|italia|europa|mediterraneo|mondo

Libri con le orecchie… /1.

In Libri con le orecchie... on febbraio 26, 2014 at 10:35 pm

foto (6)Claudio Magris
Segreti e no
Bompiani (2014)
55 pp. / 7 euro

Il tema della segretezza (del potere e non solo) al tempo dello streaming.

“Un mio cugino, di dieci anni più giovane di me, quando era un bambino desiderava ardentemente che gli regalassi un distintivo da agente segreto. Essere agente segreto era la cosa che gli stava a cuore più di ogni altra e in questo assomigliava non solo a tanti altri bambini, ma anche agli adulti.”

“Il segreto politico è forse quello che dimostra più di ogni altro la natura di potere insita nel segreto stesso, in ogni segreto, e anche la sua franchigia rispetto alle leggi della morale. Il custode del segreto (o lo scopritore del segreto del nemico) ignora, nel suo agire, le norme morali e persegue, nella totale indifferenza rispetto ai mezzi, il fine che giustifica ogni operato, ossia la difesa o la cancellazione del segreto ovvero la sua scoperta e la sua ostentazione, se si tratta del segreto del nemico.”

“La più bella difesa del segreto l’ha forse scritta un grande autore italiano barocco, Torquato Accetto, nel suo capolavoro Della dissimulazione onesta. Se simulare comunica il falso, dissimulare può essere un modo non di falsificare la verità, bensì di rispettare il suo pudore. Non apre cassetti che potrebbero esplodere distruttivi, ma lascia che il loro potenziale esplosivo si disinneschi poco a poco, senza portare precipitosamente rovina.”

Recensione su Doppiozero.com

foto (5)Giuseppe De Rita – Antonio Galdo
Il popolo e gli dei. Così la Grande Crisi ha separato gli italiani.
Laterza (2014)
101 pp. / 14 euro

“Polvere siete e polvere ritornerete.” La storia del popolo della sabbia, mentre il vento soffia.

“Riaccendere la scintilla della rappresentanza non è un’operazione semplice. Richiede innanzitutto uno sforzo preliminare: bisogna armarla, nel senso di attrezzarla, con idee, progetti e classe dirigente, al suo ruolo e ai suoi compiti. La politica ha bisogno di stare nella realtà delle cose, con una cultura di governo pragmatica e realistica, e allo stesso tempo di riscoprire il fascino di un sogno collettivo, del pathos di una condivisione nazionale, di un impulso alla crescita del corpo sociale. Se resta piatta e vuota, come appare oggi, il suo primato spinge alla regressione e non alla propulsione, e nell’ombra di questo arretramento si nascondono le peggiori insidie del populismo, dell’invidia sociale e del livellamento. […]”

“Quello che un tempo era un conflitto di classi, dove le più deboli aspiravano all’emancipazione verso l’alto, si è trasformato in un rinserramento che non produce vitale protesta ma solo sterile mugugno. “Siamo tutti i cittadini, di pari grado” è lo slogan che si ascolta, in sottofondo, in questa particolare forma di protesta. Nel mare piatto di una rabbia generalizzata che colpisce più della metà degli italiani, al primo posto, tra i focolai del malcontento di moltitudine, torna il tema del disprezzo nei confronti della politica. […]”

“Capire dove sta la sovranità, e dove si esercita, significa prendere coscienza del nostro status di cittadini e avere consapevolezza di mutazioni che hanno spostato il baricentro delle decisioni pubbliche. Alla domanda su chi detiene il potere reale nel nostro Paese, gli italiani rispondono così: il 57 per cento indica il governo nazionale; il 22,5 per cento l’Unione Europea, il 22 per cento i mercati finanziari internazionali; il 20 per cento le regioni e quasi il 13 per cento gli organismi internazionali economici e finanziari. Dunque una gran parte degli italiani ha già preso atto di come si sono consolidate nuove sedi del potere reale. Lontanissime da noi.”

Recensione sul Manifesto

f.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: