trento|italia|europa|mediterraneo|mondo

Appunti di lettura | 5.

In Ponti di vista on novembre 30, 2015 at 11:13 pm

rodneysmithIn tempi complessi è bene leggere il più possibile opinioni diverse, provare a elaborarle (magari anche mischiandole) e trovare il modo di farne sintesi accurate. Leggere certo non basta, ma aiuta e rincuora di fronte al constante bisogno di semplificazione che ci viene richiesto, anche lì dove non c’è proprio modo di semplificare.

*Parigi e dintorni.

Marino Sinibaldi | La parola guerra e le profezie sbagliate dell’Occidente | Internazionale
“È guerra la parola alla quale si ricorre per automatismo o autocompiacimento (specie maschile, ma questo è un altro discorso che pure andrà fatto), per povertà lessicale e culturale, per mancanza di fantasia (non appaia futile, la formula: la fantasia, l’immaginazione sono armi politiche decisive, specie quando si deve combattere l’inaccettabile, o l’incomprensibile, come oggi sta accadendo).” Uno dei testi più belli e articolati che ho letto in queste settimane.

Franco La Cecla | Il copyright del male, il copyright dei morti | Doppiozero
La Cecla non ha paura di provocare e lo fa anche di fronte alla lettura necessaria di ciò che sta nel retrobottega del fondamentalismo di Daesh. Da passare in rassegna perché a volte sbucciarsi le ginocchia cadendo su un pavimento ruvido aiuta a comprendere in che direzione muovere il prossimo passo.

Jérome FerrariNon lasciamo che le emozioni ci impediscano di comprendere | La Repubblica
Ferrari è un autore che ho conosciuto tardi ma che ha una capacità narrativa sconvolgente. “Dove ho lasciato l’anima” è una fotografia alla guerra di Algeria di rara potenza. Questo articolo ci richiama alla comprensione, necessaria e troppo spesso dimenticata.

George MonbiotSe vi dicono che si può consumare di più e salvare l’ambiente, non credeteci | The Guardian
Il Black Friday (la giornata degli sconti, e degli scontri, per l’acquisto del nuovo “indispensabile” televisore) è l’esempio più evidente di una società che non riesce a cambiare paradigma economico. Far ripartire i consumi (???) il primo comandamento. Ancora per quanto? “Le nuove analisi suggeriscono che il problema è proprio la crescita economica, indipendentemente dal fatto che si aggiunga l’aggettivo “sostenibile”. La verità è che non solo non affrontiamo questa contraddizione, ma addirittura pochissimi osano anche solo parlarne. Come se il problema fosse troppo grande, troppo spaventoso per essere contemplato. Sembriamo incapaci di affrontare il fatto che la nostra utopia è anche la nostra distopia, che la produzione sembra essere inscindibile dalla distruzione.”

*I confini dell’innovazione

Luca De Biase | L’equilibrio tra aspettative e realtà. Il senso critico. La strategia dell’innovazione. Dalla ricerca di consenso alle decisioni strutturali | blog.debiase.com
Impiegate 10 minuti per arrivare in fondo. Non è breve, non è semplice. Pone però alcune delle domande più circostanziate per definire i bisogni e le accortezze per contribuire alla nascita di un ecosistema davvero innovativo. Siamo pronti? Lo siamo davvero?

Roberto Randazzo | L’impatto delle B-Corp sull’economia civile | Vita
“Non è escluso, però, che questa accelerazione impressa dalla possibilità di introdurre a breve nel nostro ordinamento le B-Corp porti con sé un benefico scuotimento del mondo del Terzo Settore. Se a breve dovessimo assistere ad una smossa del percorso di riforma del nostro non profit imprenditoriale, allora il fulmine a ciel sereno avrà in qualche modo contribuito a colpire nel segno del progresso e dell’innovazione.” Collaboro da pochissimo con una possibile futura B-Corp. Il tema mi incuriosisce e spero lo stesso valga per il mondo cooperativo e del terzo settore trentino.

*Libri

Davide Piacenza | Nessuno mette Betty in un angolo | Rivista Studio
Articolo “leggero” sulla donna che sta al timone de “La nave di Teseo”, nuova esperienza editoriale in uscita dall’acquisizione da parte di Mondadori dello storico marchio Rizzoli. Seguite Elisabetta Sgarbi, ci sarà da divertirsi.

*Città

Bradley L Garrett | The privatisation of cities’ public spaces is escalating. It is time to take a stand | The Guardian

Bradley L GarrettCities at night: why our right to use public spaces after dark is under threat | The Guardian
Spazio pubblico e spazio privato, come li abitiamo e come possiamo determinare l’utilizzo dei contesti urbani. Giorno e notte, come governare i conflitti che attraversano le città.

Massimo SideriConnessi in nome dello «sharing»
La conquista delle città intelligenti. | Italia digitale

Maurizio Busacca | Politiche collaborative, una ricerca della felicità? | CheFare
“Indipendente dalla collocazione sull’asse istituzioni-società, è proprio all’interno di questa contraddizione (novità-governo) che si stanno sperimentando forme di (auto)governo e di (auto)organizzazione che promuovono la libertà di agire la sfera pubblica (Arendt, 1958. Vita Activa) nella ricerca della felicità. Stabilire quale essa sia e a chi spetti identificarla è alla base della ricerca stessa.” Non so se sia davvero la ricerca della felicità, certo il dibattito attorno ai processi collaborativi e a possibili nuove forme di governance è oggi assolutamente centrale.

Bologna è città vitale e contraddittoria da sempre. Lo è anche oggi, divisa tra l’ambizione di essere città smart e innovativa e la  triste materialità della gestione – senza mediazioni, manu militari – di alcune partite conflittuali dentro le pieghe dello spazio urbano. Guardare a Bologna è interessante per capire cosa bolle davvero in pentola.


*foto di Rodney Smith

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: