trento|italia|europa|mediterraneo|mondo

Posts Tagged ‘distanza’

Venticinque corpi, nessuna reazione…

In Ponti di vista on agosto 2, 2011 at 11:44 pm

Lampedusa. Altri venticinque morti sulle rotte dell’immigrazione. L’aggiornamento della lista dei decessi è una macabra rendicontazione. Con cadenza troppo frequente nomi – o spesso solo numeri – si aggiungono ad un elenco che ha dimensioni vastissime. La morte, in mare dopo un naufragio o nello spazio chiuso di una sala macchine piena di fumo, non fa distinzione di nazionalità, sesso o età. Non prende in considerazione le condizioni del paese di provenienza o il percorso migratorio seguito. Arriva e colpisce durante il viaggio verso la piccola – e in un certo senso mal riposta – speranza di trovare una vita migliore sulla costa nord del Mediterraneo. Arriva e per cinque minuti ricorda anche noi la fragilità della vita umana.

Più venticinque. E’ questo il saldo giornaliero, positivo solo nella teoria matematica, delle morti in mare di viaggiatori diretti verso le nostre coste. Più duecentoquarantasei. E’ il numero di persone – uomini, donne e bambini – che hanno invece avuto salva la vita. Per i primi un “diniego” doloroso e brutale è già arrivato, dentro una stanza di pochi metri quadrati satura dei gas di scarico della barca che avrebbe dovuto portarli in salvo. Per i secondi, e così per tutti coloro che negli ultimi mesi sono arrivati a Lampedusa, si avvicinano invece i giorni delle audizioni davanti alle commissioni che decideranno sulle loro richieste di asilo politico. Racconteranno la loro storia. Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Sulle strade di Waslala…

In Ponti di vista on luglio 26, 2011 at 7:32 pm

La sveglia questa mattina suona alle cinque, al terzo canto del gallo che se la spassa nel giardino della casa in cui dormiamo. Ancora buio fuori, ma tantissimi rumori. Cani e altri animali. Le prime macchine e i primi camion. I negozi più mattinieri. Il risveglio di un’intera città. Oggi prima uscita da Waslala.
Indossiamo stivali, indispensabili per il tragitto che ci condurrà a visitare una comunità montana fuori dal centro abitato. I primi trentacinque chilometri che dividono Waslala da Puerto Viejo si percorrono in pullman. Da lì altri quattro chilometri a piedi fino a raggiungere la nostra meta: la comunità del Pejibaye. In tutto circa quattro ore, tra salite impervie e ponti traballanti, campi ricoperti di fango e fiumi da guadare. Almeno oggi fortunatamente non piove.
Lo school bus giallo su cui saliamo suona il clacson fuori da ogni casa lungo la strada che percorre: prontamente gli abitanti escono e saltano sul mezzo in corsa. All’uscita da Waslala il nostro bus è pieno e traballa ad ogni buca che incontra. Importati dagli Stati Uniti alla fine della loro “vita”, questi mezzi vengono fatti risorgere da meccanici nicaraguensi per poter affrontare ancora diversi anni di onorato servizio. Sbuffi neri escono dagli scarichi. Leggi il seguito di questo post »

Un’insopportabile distanza…

In Ponti di vista on luglio 18, 2011 at 7:14 pm

22 giugno, Managua, Nicaragua. Aeroporto. Fuso orario. Sonno. Prima pioggia della giornata.
Da Managua la strada che si percorre fino a Matagalpa è un nastro d’asfalto di circa centoventi chilometri a due corsie. Solo in alcuni tratti raddoppia a quattro. Tutto attorno una natura rigogliosissima, su ampie pianure e sporadiche colline. Una vegetazione dal colore verde vivace che finita la stagione delle piogge – un “inverno” caldo e umido – lascerà spazio ad un’ampia zona desertica dalle tonalità gialle e rosse.
La velocità di percorrenza è bassa. Lungo il tragitto si devono superare decine di vecchi school bus americani destinati al trasporto pubblico e altrettanti camion in pessime condizioni che trasportano merci verso Matagalpa e spesso si vedono procedere lenti carichi di bestiame destinato alla capitale. Si impiegano circa tre ore, senza imprevisti, a percorrere questo tratto.
Qua e là, lungo tutta la strada, piccoli centri abitati o singole abitazioni. Bambini e donne. Animali e autovetture malandate. Bar e piccoli negozi di alimentari. Cieli azzurri e nuvole veloci. Leggi il seguito di questo post »