trento|italia|europa|mediterraneo|mondo

Posts Tagged ‘Ex Sloi’

Un’immagine sconvolgente. Un’immagine ricorrente.

In Ponti di vista on ottobre 8, 2015 at 5:17 am

città(pubblicato dal Corriere del Trentino il 7 ottobre 2015)

Non sbaglia Luca Malossini (sul Corriere del Trentino di domenica 4 ottobre) a sottolineare la ricchezza dei temi collegati all’evoluzione del vivere urbano e la necessità di riflettere sulla strada che dovrebbe imboccare per il futuro la città di Trento. L’immagine di Marius carbonizzato nel suo rifugio nella periferia nord della città – così come quella di Aylan, il giovanissimo profugo siriano morto sul bagnasciuga turco, ormai simbolo del tragico esodo in atto nel Mediterraneo – é si sconvolgente, tanto da risvegliare le nostre coscienze, ma é anche dannatamente ricorrente. Nei giorni scorsi, riordinando libri in casa, mi sono imbattuto in una foto. Anno 2005, fine settembre. Esattamente dieci anni fa. L’interno del capannone principale dell’ex Sloi – oggi tristemente abbattuto – illuminato per l’occupazione promossa dal Laboratorio sul Moderno, associazione attivissima in quegli anni. Partecipai all’allestimento della fabbrica e presi parte a una tavola rotonda – insieme a me Antonio Rapanà e Charlie Barnao – che da un lato denunciava le carenze del sistema di bassa e bassissima soglia attivo a Trento e dall’altro rifletteva su ciò che significa, in termini complessivi e articolati, “interessarsi di” e “interagire con” i margini, geografici e non, della città.

Nel primo campo si é fatto molto – non tutto ovviamente – anche grazie alla spinta di chi che negli anni ha stimolato, pressato e aiutato l’amministrazione ad attrezzarsi con i servizi più adeguati ai bisogni che di volta in volta emergevano. La città nel suo complesso si è dimostrata capace di offrire soluzioni diversificate e percorsi d’inclusione sufficientemente presidiati. Ciò che è mancato davvero in questi dieci anni, il tempo a cavallo di tre legislature, è una visione d’insieme di ciò che significa essere città. Una città non solo fatta di strade e piazze, di investimenti e urbanizzazione ma anche dei diversi corpi che la riempiono e che con le loro azioni determinano trasformazioni ben più radicali di quelli che l’urbanistica, da sola, riuscirebbe a produrre. Leggi il seguito di questo post »