trento|italia|europa|mediterraneo|mondo

Posts Tagged ‘narrazione’

L’ultimo Europeo? calcio d’inizio

In L'ultimo Europeo? on aprile 22, 2016 at 12:40 am

 

Mars5

Stadio Velodrome | di Stefano Rubini

“La vita che ci circonda è priva di concetti ordinatori. I fatti del passato, i fatti delle singole scienze, i fatti della vita ci sovrastano disordinatamente. La filosofia comune e le discussioni giornaliere o si accontentano di frasette liberali di una fede infondata nella ragione e nel progresso oppure si inventano il famoso feticismo dell’epoca, della nazione, della razza, del cattolicesimo, dell’uomo d’intuito, il cui comune elemento negativo è una critica emotiva contro l’intelletto e l’elemento comune positivo è il bisogno di un supporto, di gigantesche ossature fantomatiche, a cui si possono appendere le impressioni, l’unica cosa di cui siamo ancora costituiti.”

Robert Musil, “Europa inerme”, 1921

E’ dentro uno scenario paragonabile a quello che Robert Musil descriveva all’inizio del secolo scorso che ci stiamo muovendo. “E’ come nuotare sott’acqua in un mare di realismo, trattenendo il respiro, ostinatamente, ancora un po’ più a lungo: semplicemente con il pericolo che il nuotatore non riemerga più.” Non abbiamo alle spalle una guerra mondiale (anche se scenari di guerra non mancano a ogni latitudine) ma siamo in una fase storica di transizione caotica e spesso violenta. Lo stato di salute – o forse sarebbe meglio dire di malattia – dell’Europa deve essere raccontato, accettando di sfuggire alla velocità straniante della cronaca e delle continue emergenze, provando ad approfondire e interpretare i fenomeni sociali, politici e culturali che la attraversano. Lo si può fare solo stimolando l’attivazione di sguardi tra loro diversi, capaci di mostrarci una molteplicità di sfumature e di punti di vista.
Un lavoro d’inchiesta quindi, necessariamente in forma collettiva. Troppi i fronti – geografici e di contenuto – che andrebbero presidiati, troppe le storie che meriterebbero di essere raccontate.

E’ necessario immaginare la costruzione di un spazio di ricerca e osservazione – diffuso sul territorio europeo – dentro il quale ognuno si senta libero di contribuire nel modo che ritiene più adatto al progetto narrativo. Servirà anche uno strumento (un blog, una piattaforma web) che garantisca la raccolta e la visibilità dei materiali, siano essi in forma scritta, audio e video, oppure fotografica. Leggi il seguito di questo post »

Pagine del 2013, in ritardo…

In Ponti di vista on gennaio 9, 2014 at 11:38 pm

EtienneZack1In colpevole ritardo, ecco la lista dei libri – iniziati e finiti; non solo sfogliati, consultati o letti a metà – del mio 2013. Sono certamente la fotografia di un anno particolare, dominato dalle letture francesi e dai tempi dettati da Petra e dagli orari del suo addormentamento. Mi dichiaro soddisfatto della quantità e della qualità, certo una serie di titoli aspettano impilati sul comodino di essere affrontati. Se solo gli sgravi fiscali fossero stati approvati prima dal governo Letta, avrei anche risparmiato una manciata di Euro…o comprato qualche libri in più. In Italia oggi si legge poco e male. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti. Leggi il seguito di questo post »

La storia dell’altro / intervista a Sami Adwan – 1

In Occhi sul mondo on luglio 22, 2011 at 8:24 am

Sami Adwan, docente presso la Bethlehem University, Premio Langer 2001 e coautore di “La storia dell’altro”.

– Come è nata in lei l’idea di cominciare un esperimento difficile come quello di mettere ragazzi israeliani e palestinesi di fronte alla storia dell’Altro?
Quando le persone possono scoprire la storia dell’Altro allora sono più inclini ad umanizzare anche la visione che l’Altro ha di loro. L’altra parte in causa – palestinese o israeliana che sia – ha una narrazione della storia che è legittima dal proprio punto di vista. Dovevamo solo rendercene conto e provare a metterle a confronto.
Nella mia esperienza ho visto che quando le due parti raccontavano la propria storia non c’era spazio per la storia dell’Altro. Questo significa che l’altra parte non esiste o non viene presa in considerazione. Perciò per muovere il pensiero e la visione dei più giovani abbiamo fatto questo lavoro, con l’obiettivo che esso possa essere di aiuto nel processo di avvicinamento, comprensione e rispetto reciproco. Leggi il seguito di questo post »