trento|italia|europa|mediterraneo|mondo

Posts Tagged ‘radicalità’

La Politica è amare un uomo che ancora non è nato.

In Ponti di vista, Supposte morali on febbraio 1, 2019 at 8:13 am

plastica

E’ un tempo di mancanza e di bisogno. Mancanza di Politica e bisogno di Politica. Come pratica della cura e azione che interroga il reale. Della Politica non possiamo fare a meno. Non possiamo ridurla a inseguimento del quotidiano o aderenza a un continuo presente, che non passa. Dobbiamo riappropriarci del desiderio della Politica. Ma come? Come pensare – l’apparentemente – impensabile?

Per Albert Camus “la rivoluzione consiste nell’amare un uomo che ancora non è nato”. Ecco il livello della sfida. Dopo dieci anni di crisi – al plurale – va messo in campo un modello economico capace di impattare sulle crescenti diseguaglianze, di sostituire la competizione con la cooperazione. Con l’approssimarsi del default ecologico dobbiamo ri-farci Natura, rientrando nei limiti che abbiamo superato. Schiacciati dal peso di tecnologie pervasive possiamo rivendicarne il controllo, anteponendo al potere regolatorio dell’algoritmo la mitezza dell’empatia e la meraviglia della creatività. Di fronte a spinte demografiche che cambiano i connotati del pianeta possiamo rimpiangere le identità, riesumare le razze e tracciare confini o impegnarci per definire le caratteristiche di un Mondo nuovo, più giusto ed equilibrato, più meticcio e relazionale.

Ci serve una visione che diventi piano. Ci serve un ritmo diverso. Ci servono spazi.

Cambiare i paradigmi significa andare alla radice delle questioni. Offrendo sponda a tutti coloro che si impegnano – e vorranno impegnarsi – per “un altro mondo possibile”. Alzando l’asticella e superandola cambiando l’agenda politica invece di subire quella che ogni giorno viene proposta da altri. Progettando una fuga in avanti, non ostinandosi a difendere qualcosa – l’attuale condizione delle democrazie occidentale – da molti punti di vista indifendibile.

Uno degli inneschi possibili lo si trova dentro il Green New Deal proposto tra gli altri da Yanis Varoufakis e dalla deputata Alexandria Ocasio-Cortez. Leggi il seguito di questo post »

Operazione Fosbury!

In Ponti di vista on ottobre 22, 2018 at 9:27 pm

 

1 – Niente panico! Il sole è sorto anche questa mattina e – a meno di clamorosi imprevisti, nonostante la giornata insolitamente calda per la fine di ottobre – sorgerà anche domani. La storia non finisce.

2 – Magari fosse un “cigno nero”. Ci permetterebbe di sembrare onestamente sorpresi. Davvero le premesse – e non solo nei mesi successivi al 4 marzo – non erano state colte? Qualcuno immaginava un finale diverso? Solo le proporzioni sono forse più ampie del previsto, ma la caduta era difficilmente evitabile, date le condizioni.

3 – Mi chiedo da chi sia composto quel 15% che ha votato alle Politiche ma non si è preso la stessa briga per le elezioni di massima prossimità per il territorio che abita tutti i giorni. Ho un sospetto sul M5S (quanto possono durare ancora dentro l’ambiguità che li caratterizza?) e sui delusi più marginali (quelli veri, quelli che non incrociamo proprio, mai…).

4 – La coalizione di centrosinistra non ha perso ieri ma quando non ha compreso la radicalità del cambiamento che era necessario mettere in atto, nella sostanza più che nella forma. Oltre la legittima, ma insufficiente, difesa dell’ordinaria amministrazione e con l’ambizione di accompagnare la propria comunità dentro un’ambiziosa e articolata proposta politica di lungo periodo. Una mancanza che prende le mosse qualche anno fa, e ancora non risolta. Non lo ha capito certamente il PD (è ancora un partito utile?). Non lo ha capito del tutto Futura 2018 (il suo risultato va letto in maniera approfondita e non banale. Quante persone ha ri-attivato davvero? Quante ne ha solo “ri-posizionate”? Quale può essere il suo ruolo ora oltre la “resistenza”?). Non lo ha capito minimamente l’UPT, realtà che non poteva avere alcun altro destino se non la definitiva scomparsa viste le recenti involuzioni del suo percorso. Leggi il seguito di questo post »

Un altro mondo è possibile? Un altro mondo è necessario…

In Ponti di vista on ottobre 18, 2018 at 9:55 pm

background-background-image-clear-sky-1054222Si può pensare seriamente di disinteressarsi di una tornata elettorale che riguarda il territorio che si abita, decidendo di osservarla con totale distacco? E’ possibile sorvolare sulle differenze fra le proposte politiche in campo accettando di rimanere alla superficie del dibattito pubblico? La risposta a entrambe le domande é ovviamente no, a meno che non si voglia tentare – inutilmente – di contraddire l’adagio che recita: “se non ti occupi della politica sarà lei ad occuparsi di te”. Non esiste però un unico modo di avvicinarsi al voto (o al non voto, anch’esso un diritto) e fondamentale è proprio il “come” si può – o si sarebbe potuto, o dovuto – approcciare le elezioni provinciali ormai imminenti.

Annunciate come storiche (da qualcuno per la discontinuità che dovrebbero generare, da altri per i danni che potrebbero arrecare al Trentino) appaiono invece deboli proprio nella capacità di determinare innovazione. Da un lato perché tendono a riproporre il ricorrente – e non del tutto onesto intellettualmente, perchè totalmente semplificatorio – scontro tra non populisti e populisti, tra europeisti e antieuropeisti, tra buoni e cattivi. Dall’altro perché il grande assente, pur se richiamato in molti modi, è proprio il futuro. É paradossale che la stessa malattia, la retrotopia – un’utopia dallo sguardo bloccato rivolto al passato -, colpisca i due principali fronti che si sfidano, accumunandoli nell’incapacità di uno sguardo visionario e prospettico, progettuale e non emergenziale .

Se per la componente leghista – e relativa costellazione di liste collegate – il richiamo è ai “bei tempi andati” (Make Trentino great again?) per la rabberciata coalizione di centro-sinistra nel ciò che è stato c’è la rivendicazione di una buon governo (vero o presunto, misurabile o smentibile) e di una continuità messi a rischio da una prossima irresistibile calata di barbari, fino a oggi tenuti fuori i confini della provincia trentina. Una visione distorta e strumentale la prima, dove il “prima noi” altro non è che l’emersione di un nuovo egoismo radicale. Un progetto politico fragile il secondo, perchè non in grado di fare i conti con i propri errori (anche i miei, non ne ho dubbi) e le proprie contraddizioni oltre che con la necessità di un cambio di paradigma profondo, oggi non più rimandabile. Leggi il seguito di questo post »

Un passo per volta…verso la comunità “che viene”

In Ponti di vista on marzo 24, 2017 at 12:04 am

viaggio-02

(pubblicato su www.zerosifr.eu, in vista dell’inizio del “Viaggio nella solitudine della politica”)

E’ interessante riflettere sul perché negli ultimi tempi la figura del camminatore – in politica, ma non solo – sia tornata di moda. Emmanuel Macron, sottraendosi alle primarie socialiste in Francia, ha scelto “En Marche” come nome del suo nuovo progetto. Un’invocazione di (e al) movimento, volutamente in contrapposizione all’immobilismo dei partiti tradizionali, visti come strumenti inutilizzabili e fuori dal tempo. Uno schema che sembra – per il momento e almeno nei sondaggi – funzionare. Sfruttandone la scia come un provetto ciclista Matteo Renzi ha lanciato la sua campagna congressuale nel tentativo di rimuovere il ricordo del suo triennio a Palazzo Chigi, non dinamico come nelle attese. Agendo di traduzione, materiale e spudorata, ecco nascere “In cammino”. Le piazze e le strade d’Europa si preannunciano quindi punteggiate di esploratori politici che sperimentano l’idea – non nuova, certo – che se Maometto non va alla montagna, sarà la montagna a muovere il primo passo. Di fronte alla disarticolazione sociale e politica, per porre un argine allo sfarinamento dei corpi intermedi e rispondere alla crisi dei  processi democratici torna centrale l’esigenza di stabilire un contatto diretto con i cittadini (con quel popolo a cui tutti si riferiscono e che nessuno sembra davvero comprendere) e di riaffermare una presenza capillare sul territorio. Peccato che in pochi sembrino interessati a ricordare e ridare corpo all’esperienza politica sperimentata da Alexander Langer, “Viaggiatore leggere” continuamente a scavalco dei confini europei e delle differenze culturali, capace di sguardo lungo e di traiettorie radicali.  Leggi il seguito di questo post »

Radicalità, prassi e l’importanza di “fare società”

In Ponti di vista, Uncategorized on gennaio 6, 2016 at 12:35 am

autumn-71360_1280Fine anno. Tempo di bilanci e buoni propositi per l’anno a venire. Suggestioni per il cambiamento, laddove il conto alla rovescia che ci avvicina al confine tra il vecchio e il nuovo vorrebbe – nelle intenzioni – coincidere con il necessario passaggio tra il non più e non ancora. Un passaggio descritto in maniera tanto netta e repentina da poterlo accostare al rito propiziatorio di buttare dal balcone un vecchio oggetto allo scoccare della mezzanotte. Via il 2015 quindi, dentro il 2016. Punto e a capo.

Sarebbe tutto più semplice se tra il passato e il futuro la cesura fosse così netta, come per il tasto on-off di un interruttore. E invece è tutto dannatamente più complesso. Questa mia riflessione prende le mosse da un articolo – pubblicato a fine dicembre da Gli Stati Generali a firma di Roberto Bonzi – che si interroga sulla capacità di penetrazione e di resistenza dei paradigmi culturali, fenomeno alla base della sbornia (letale) seguita all’uscita del nuovo capitolo della saga di Star Wars. Ubriachi non si sono ritrovati solo gli appassionati storici (ormai cinquantenni…) ma anche i loro figli e nipoti, in un corto circuito generazional-culturale che ha trasformato una serie rivoluzionaria in un circo commerciale e un po’ retrò (parola di George Lucas, prima della richiesta smentita…), certamente non capace di generare un immaginario che si spinga oltre il potente battage pubblicitario che ha accompagnato il film. * [Se vuoi rileggi l’articolo con l’aggiunta che trovi a fondo pagina, parte che nell’ultima rilettura non trovavo del tutto connessa con il resto del ragionamento. Una riflessione sulla satira, sulla comicità e sulla cultura meriterebbe una riflessione ulteriore.]

I paradigmi – è bene ricordarlo – altro non sono che modelli di riferimento, che hanno nel riconoscimento da parte delle persone (delle masse) la loro garanzia di durata e successo. La conquista e il mantenimento di un consenso diffuso li fanno sedimentare, sebbene il consenso da solo non ne certifichi la bontà e la sostenibilità.
Del testo di Roberto Bonzi condivido soprattutto un passaggio. “I paradigmi sono fatti per essere abbattuti”. Leggi il seguito di questo post »