trento|italia|europa|mediterraneo|mondo

Posts Tagged ‘rivoluzione’

Appunti di lettura | 38.

In Libri con le orecchie... on settembre 28, 2017 at 10:26 pm

water-815271_1920

La Politica del futuro. Il necessario spazio del pensiero profondo.

Pietro Bianchi | Michael Hardt e Toni Negri. Assembly | Doppiozero
Bentornati. Interrogativi alti, necessari allo stato attuale delle cose. Assembly come strumento – lo stile dello stare in piazza, tutt’altro che spontaneistico – e come destinazione, intesa come applicazione (politica e sociale) di forme organizzative di tipo cooperativo e orizzontale. “Sulla scorta di Machiavelli, Negri e Hardt concludono il libro attraverso il richiamo a un “nuovo Principe”, cioè a una nuova struttura organizzativa della moltitudine che ne debba ricalcare la natura orizzontale e cooperante. Inventare istituzioni dal basso, così come inventare pratiche autonome di produzione e riproduzione sociale diventano due facce della stessa medaglia, secondo il principio di un’indistinzione sempre più marcata tra strategia politica e reti della produzione, tra lavoro e forme della soggettività, tra assemblearismo democratico e organizzazione della cooperazione sociale. Usando un termine deleuziano si potrebbe dire che l’assembly delle piazze e delle reti della cooperazione del lavoro ponga un problema di “assemblaggi”: l’enigma a un tempo politico ed economico è quello di trovare un modo per dargli una forma.” Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Metamorfosi. Clima, migrazioni, distopie.

In Ponti di vista on agosto 11, 2017 at 8:50 am

Durante il recente G20 di Amburgo una delle iniziative dal più alto valore simbolico è stata la performance realizzata dal collettivo 1000 Gestalten. Una parata – lugubre e silenziosa – di centinaia di attori/zombie attraverso le vie centrali della città. Una massa uniforme che avanza al rallentatore, compatta. E’ uno strato di polvere grigia, finissima e senza sfumature, a nascondere i volti e impregnare i vestiti. Gli sguardi sono persi e le braccia ciondolanti. Il passo incerto e senza forza. Un movimento inerziale e senza meta. Il risultato angosciante. Volutamente la rappresentazione porta all’estremo i tratti omologanti che segnano la società che gli attivisti intendono criticare. Una distopia umana e sociale che – senza voler essere troppo radicali nell’analisi del tempo presente – non si discosta di molto dalla realtà che ogni giorno vediamo dispiegarsi intorno a noi. Uno scenario fatto di prassi consolidate, di abitudini ipersoggettive che non siamo disposti a mettere in dubbio. Leggi il seguito di questo post »

Un’iniezione di vitamina C.

In Ponti di vista on luglio 19, 2011 at 9:54 pm

Il Paese visto da fuori.
Sono mancato tre settimane dall’Italia. Novemila chilometri tra me e il Paese in cui sono nato, in cui vivo e che mi auguro di poter contribuire a migliorarlo abitandoci anche in futuro.
La distanza e l’assenza di internet hanno ridotto di molto le mie possibilità di accesso alle fonti di informazioni che invece, di norma utilizzo massicciamente. Le uniche notizie che ho intravisto sono l’ennesima emergenza rifiuti a Napoli, condita delle consuete polemiche sul rimbalzarsi delle responsabilità;  un nuovo tentativo di iniziare i lavori per la TAV in Val di Susa (con manganellate di circostanza) e l’avvicinarsi dell’ennesima manovra finanziaria correttiva, con annessi ragionamenti sul debito pubblico, tagli alla spesa e costi della politica.  Non entro nel merito di questi tre casi specifici che sono però  sintomi evidenti di un corto circuito che coinvolge almeno due aspetti del paese Italia. In primis la strategia e la pianificazione del paese. E poi il ruolo del potere politico e del suo rapporto con i cittadini. Leggi il seguito di questo post »