trento|italia|europa|mediterraneo|mondo

Posts Tagged ‘welfare’

Commonfare in Trentino, un dibattito da aprire…

In Ponti di vista on settembre 25, 2018 at 8:03 am

strada_T H O M A S • K A K A R E K O

[Una mia breve introduzione ai materiali degli atti convegno Commonfare svoltosi il 23 aprile 2017 a Impact Hub Trentino]

“Crisi è quel momento in cui il vecchio muore ed il nuovo stenta a nascere.”Così Antonio Gramsci si esprimeva, descrivendo il senso di incertezza tra il non più che ci si lascia (volenti o nolenti) alle spalle e il non ancora che prende forma a fatica di fronte a noi. Condizione in divenire non sufficientemente a fuoco per permetterci di definirne in maniera precisa i contorni di un futuro che tende – almeno per il momento – a spaventarci più che ad attrarci. Consapevole della pericolosità di stare per troppo tempo nella terra di mezzo, Antonio Gramsci descriveva il rischio del montare delle tenebre dell’indeterminatezza sui contorni del domani.

Ecco motivo fondamentale, molto concreto – che si fa molla per ragionare, per approfondire, per mettere in moto un pensiero collettivo – per essere certi che la riflessione attorno al progetto Commonfare sia necessaria anche in Trentino. Edgar Morin – da sempre attento osservatore dei processi sociali e politici – così esprime la sua preoccupazione nei confronti del mondo che viene e sollecita interpretazioni migliori delle dinamiche emergenti:

“Comprendere il nostro tempo significa comprendere la mondializzazione che trascina l’avventura umana, divenuta planetariamente interdipendente, fatta di azioni e reazioni, in particolare politiche, economiche, demografiche, mitologiche, religiose; significa cercare di interrogare il divenire dell’umanità, che dai motori congiunti scienza/tecnica/economia è spinto verso un “uomo aumentato” ma per nulla migliorato, e verso una società governata da algoritmi, tendente a farsi guidare dall’intelligenza artificiale, e nello stesso tempo, a fare di noi delle macchine banali” Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Il welfare che cambia ha bisogno di interventi a Km0

In Ponti di vista on settembre 9, 2017 at 2:13 pm

team-1928848_1920

“Bisogna andare a intercettare le nuove vulnerabilità fuori dagli schemi tipici del rapporto utente/servizio, perché molto spesso queste stanno sul bordo, un po’ dentro e un po’ fuori. Sono meno abituate a chiedere e a riconoscere anche la propria condizione.” Così spiega Francesco Gabbi – sociologo impiegato presso la Fondazione Demarchi – riferendosi al contesto dentro il quale il progetto Welfare Km0 (nato per iniziativa della Fondazione Caritro, supportata da Provincia Autonoma di Trento e dalla stessa Fondazione Demarchi) ha mosso i primi passi.

“Tra le condizioni di contesto non c’è solo la riduzione delle risorse pubbliche per il sociale, ma anche l’allargamento dell’ambito di problematicità. Una fascia di “nuovi vulnerabili” che vengono stimati a livello nazionale attorno al 30% della popolazione. Persone che possono finire facilmente sotto la soglia di povertà e rappresentano un ambito di intervento privilegiato per progetti come Welfare Km0, perché chiamati a sviluppare meccanismi necessariamente diversi rispetto a quelli utilizzati nei confronti dei soggetti tipici dell’intervento sociale.”

Leggi il seguito di questo post »

Appunti di lettura | 33.

In Libri con le orecchie..., Ponti di vista on luglio 17, 2017 at 9:57 am

book-2869_1920

*Ro-do-tà! 

Stefano Rodotà | Quale spazio per i beni comuni | CheFare
A pochi giorni dalla sua morte un pezzo utile a capire la profondità del pensiero di uno dei più importanti osservatori del fenomeno dei beni comuni. “Lungo sarebbe l’elenco delle esperienze rinvenibili in luoghi diversi, che vanno da quelle più comprensive riguardanti l’acqua alle pratiche sociali e istituzionali nelle quali emerge il protagonismo istituzionale di quelle che, secondo le parole dell’articolo 43 della Costituzione italiana, possono definirsi “comunità di lavoratori e di utenti”. Ma, come i beni comuni non sono un dato a priori da registrare naturalisticamente, così anche le soggettività sono l’effetto di una costruzione consapevole generata appunto dalla relazione concreta con i dati reali nei quali si riconoscono i soggetti storici di una possibile trasformazione.”

*Dove guardare per capire qualcosa…

Ezio Manzini e Victor Margolin | Stand up for democrary | Nova24
Che ci sia bisogno di un cambiamento radicale per ridare fiato alla democrazia è una dato condiviso da moltissimi. Ezio Manzini propone un campo di discussione interessante, aperto e includente. Chi vuole ci si butti dentro senza paura… Leggi il seguito di questo post »

Appunti di lettura | 27.

In Libri con le orecchie..., Ponti di vista on marzo 21, 2017 at 10:04 am

pioggia_033-Miniature-Calendar-26.06.15-Slanting-rain

Innovazione, Welfare e progetti belli.
Lo sguardo che insiste verso il futuro, diventa pratica e – a volte – prassi. Note di fine lavoro di scrittura del bando Welfare Km0.

Ilaria Giuliani | WeMake: un ecosistema produttivo | CheFare
Il progetto presentato in sinergia con altri soggetti del territorio cittadino vorrebbe avere – tra le altre cose – una sua dimensione laboratoriale, che in parte (almeno nella mia fantasia) assomiglia a questo FabLab.

Altro pezzo significativo del progetto [incrociare le dita è d’obbligo…] consiste nella collaborazione con FBK – Create Net nel progetto che sviluppa e anima la piattaforma Commonfare.net, appena rilasciata nella sua prima, e già interessantissima, versione.

Aree interne (e le città sullo sfondo)
Una mia ossessione. Un tema politica non secondario rispetto alle onnipresenti smart city e alle attraenti metropoli.

Claudia GrisentiLe Alpi rischiano di restare senza neve entro la fine del secolo | Internazionale
Alla fine di un inverno secco e con il superamento del limite simbolico dei 3000m per l’innevamento programmato ecco uno studio che affronta i rischi ambientali ed economici di un modello turistico senza garanzie di una sostenibilità futura. Leggi il seguito di questo post »

Appunti di lettura | 24.

In Libri con le orecchie... on gennaio 26, 2017 at 9:32 pm

gas-1689222_1920

Sono giorni che fatico a scrivere. Sento il peso fisico e mentale di una certa solitudine. Mi limito a condividere la lista delle cose lette in queste settimane. Spero siano interessanti.

*DOVE VA LA POLITICA (LA CONFUSIONE REGNA, E VA BENE/MALE COSI’)

Domenico Starnone | Per sapere dove andare | Internazionale
“Forse è che il mondo com’è si riesce sempre meno a dirigerlo. Anche perché per dirigere bisogna sapere dove andare e per sapere dove andare bisogna avere non etichette di comodo che lasciano fuori ciò che davvero conta, ma un pensiero. Altrimenti, come è successo con i giovani rottamatori, si affonda anche quando si giura che, come diceva un vecchio grande film funerario, avanti o indietro che sia, la nave va.”

Giuseppe Civati | That’s not radical. It’s democracy | ciwati
“Tutti preoccupati di non essere radicali, o di non esserlo troppo, in questi anni. Di essere «compatibili». Prima con qualcosa, poi a poco a poco con qualsiasi cosa.” Questo è un tema ben posto, e richiama alla necessità di prendere in considerazione il conflitto come meccanismo di trasformazione dell’esistente. Leggi il seguito di questo post »

Appunti di lettura | 13.

In Libri con le orecchie..., Ponti di vista, Uncategorized on aprile 3, 2016 at 6:40 pm

world-1264062_1920

Confini. Frontiere. Immigrazione. Cittadinanza.

Marco DottiRefugees. Saskia Sassen: “History will not treat European policy makers kindly” | tysm.org
“History will not treat the European policy makers kindly.” Se vogliamo capire quali sono le caratteristiche dei flussi migratori di questo tempo dobbiamo leggerne la complessità e le sfumature. Solo così anche le risposte che metteremo in campo saranno all’altezza.

Matthieu AmarèAperta e senza frontiere: l’Europa allo stato grezzo | cafebabel
Uno sguardo diverso sull’Europa. Jef Bonifacino spiega che l’Europa è paradossalmente più variegata senza frontiere: «Più grezza, difficile da vivere, ma aperta.» 

Innovazione.

Piero Dominici | I rischi di una cittadinanza senza cittadini | FPA
Dove possiamo identificare il punto di caduta del processo di nuova infrastrutturazione delle nostre comunità in termini di partecipazione e coinvolgimento dei cittadini nelle scelte democratiche? Nell’incapacità (o impossibilità) da parte dei cittadini di essere informati e “capaci di produrre/elaborare/condividere conoscenza”. Serve una trasformazione culturale…

Laura La PostaSostenibilità sociale chiave dello sviluppo | Sole 24 Ore
«Il modello di Welfare State totalista (non totalitarista: attenzione), nel quale si affida allo Stato il compito di preoccuparsi della condizione di vita dei cittadini (dalla culla alla bara) non è più sostenibile, sia a livello economico (perché alimenta la voragine del debito pubblico), sia perché non rispetta la dignità delle persone assistite, essendo un modello paternalistico e assistenzialista – spiega Zamagni -. Negli ultimi dieci anni è iniziata una transizione culturale verso un welfare plurale, nel quale l’ente pubblico, i soggetti privati, il terzo settore colmano tutti assieme i buchi del welfare totalista, lasciati aperti dalla riduzione dei fondi a scopi sociali (per la sanità, le pensioni, i sussidi, l’istruzione, ecc)». Dentro questo schema si inserisce – e va inserita con grande attenzione e partecipazione – l’iniziativa WelfareKm0. Un cambio nell’approccio alle politiche sociali e all’intervento sulle marginalità che ha bisogno di essere condiviso e implementato.
Leggi il seguito di questo post »