trento|italia|europa|mediterraneo|mondo

Sulla soglia | 3. Il peso e l’opportunità di un passaggio epocale

In Ponti di vista on gennaio 10, 2022 at 9:17 am



“La vita è una guerra di sguardi dove vince chi riesce a vedere”
*Vitaliano Trevisan (1961-2021) – Un ponte, un crollo


Transizione è la parola chiave, per molti aspetti abusata e tradita, di questo complicato periodo storico.

A ben vedere non esiste momento in cui non ci si trovi a vivere, più o meno consapevolmente, un passaggio che conduce da un momento a un altro. Siamo sempre in movimento. Banalizzando al massimo ad ogni istante – secondo dopo secondo – corrisponde un passato che ci resta definitivamente alle spalle e un futuro che ci si approssima sempre più, giocando con il fragile equilibrio che crediamo di aver raggiunto nel presente che siamo chiamati a vivere in presa diretta, senza tasto pause a disposizione.

Una soglia – per dar ulteriore credito al titolo di questo piccolo diario – mai davvero fissa e che sfida, e mette seriamente in crisi, la presunta linearità offerta dalla modernità per descrivere l’andamento del progresso (economico, sociale e culturale) che ci è promesso.

Da ventiquattro mesi a questa parte le cose, ne sappiamo la causa principale, si sono inceppate e – non credo di essere l’unico a sentirla così – l’incertezza a cui fatichiamo a trovar soluzione ci restituisce un tempo faticosamente sospeso, un corto circuito generale che rende diffuse le fragilità [firmiamo per #bonuspsicologo, già oltre le 200.000 sottoscrizioni, e leggiamo fino all’ultima riga le pagine necessarie e vivide di Vitaliano Trevisan] e apparentemente impossibile immaginare l’andare oltre, rendendo concreta la transizione.

La città nel mondo. Il mondo nella città.

In Ponti di vista on gennaio 2, 2022 at 7:20 am
Quartiere San Martino, foto di Elisa Vettori


La città nel mondo. Il mondo nella città.
L’obbligo di co-progettare insieme “dal marciapiede al cielo.”

di Federico Zappini [Futura, solidarietà e partecipazione]

Grazie Presidente,
grazie consigliere e consiglieri.
Inizio questo mio intervento con un augurio, quello di ritrovarsi in quest’aula il prossimo dicembre con la possibilità di rivederla vissuta e rumorosa come deve essere il piccolo parlamento di ogni città. Questo a conferma che – riprendo le parole di Luigi Manconi –  la Politica è assembramento, nonostante oggi questa risulti parola quasi impronunciabile.


___“Rendere umana la città inumana: [questa] è la sfida.”

Questo è il titolo che mi sento di aggiungere in testa alla relazione offerta a questo Consiglio Comunale lo scorso 6 dicembre dal Sindaco Franco Ianeselli. 

La riprendo da uno dei passaggi più appassionati, una citazione di Marco Revelli, del suo discorso.

Con il Sindaco condivido – e condividiamo come gruppo consiliare di Futura – la preoccupazione di vedere incrinato il patto civico che sta alla base della nostra comunità.

A chi è nato negli ultimi due decenni del secolo scorso (come è capitato a me) è toccato assistere una dopo l’altra ad una serie di crisi tra loro concatenate – economico/finanziaria, migratoria, terroristica, ecologico/ambientale, di senso – che sono da un lato fardello di preoccupazione impegnativo da sopportare e dall’altro monito stringente all’essere parte attiva e protagonista di un cambiamento epocale non più rimandabile.

Una sfida da raccogliere, appunto.

Sulla soglia | 2. Del rumore e del rimettere insieme i pezzi.

In Ponti di vista on novembre 21, 2021 at 10:26 PM

sulla soglia appunti dentro e fuori 

2. Del rumore e del rimettere insieme i pezzi.

Un anno fa io e Beatrice ci ammalavamo di Covid19. Quindici giorni chiusi in casa.
Nessun sintomo evidente se non la perdita del gusto e dell’olfatto nelle settimane successive.
.
A dodici mesi di distanza le cose vanno parzialmente meglio. Certo i contagi tornano ad aumentare – in alcuni contesti anche in maniera preoccupante – ma per il momento l’incrocio tra alta copertura vaccinale e misure di precauzione individuale tengono gli altri indicatori rilevanti da monitorare (il numero delle morti e dei ricoveri in terapia intensiva) a livelli ancora gestibili. [Qui qualche info da Il Post]
.
Tutto attorno – almeno per quanto mi riguarda – si distende un contesto sociale, culturale e umano piuttosto faticoso da interpretare.
.
Da un lato percepisco (anzi, subisco) la presenza di un fastidioso rumore di fondo, costante e appuntito. Non ha a che fare esclusivamente con la qualità sonora dei luoghi che si vivono, ma con la generale difficoltà di trovare e mantenere l’attenzione e la lucidità necessaria per sviluppare buoni ragionamenti e decisioni conseguenti. Come emerge dalle ricerche condotte da Daniel Kahneman, Olivier Sibony e Cass R. Sunstein il rumore costituisce un importante ostacolo alla possibilità di assumere scelte corrette, tanto ai più alti livelli della governance politica o economica quanto nella quotidianità delle relazioni interpersonali.
.
Strano. Ho sempre adorato il noise.
Ma quella è tutta un’altra storia; fatta di chitarra, basso, batteria e molti amplificatori.
.
Dall’altro lato – sulle molteplici linee di frontiera che nella mia azione politica vorrei saper abitare – sono decine i contesti nei quali bisognerebbe stare con curiosità e coraggio per ricucire rapporti, immaginare possibilità, elaborare progetti. Rimettere insieme i pezzi.