trento|italia|europa|mediterraneo|mondo

Il motivo di un viaggio? La ricerca delle lucciole.

In Uncategorized, Ponti di vista on febbraio 17, 2017 at 2:26 pm

tiger-and-turtle-1932979_1920

“Il viaggio a me sembra la forma d’intimità per eccellenza, forse perché consente il dialogo ma accoglie anche il silenzio: rispetta le solitudini, lascia spazio al discorso interiore e alla contemplazione. Il paesaggio che scorre cattura lo sguardo, è un pensiero condiviso. Così l’andare insieme assomiglia molto al vivere insieme: c’è un rapporto di coppia, un percorso più o meno accidentato, il tempo necessario ad arrivare in fondo.”

Paolo Cognetti | A pesca nelle pozze più profonde (minimum fax)

Se non fosse già stata usata in mille altre occasione si potrebbe far riferimento alla metafora biblica della traversata del deserto. Bene si adatterebbe alla solitudine da cui abbiamo deciso di partire, se non fosse che il contesto politico dentro il quale ci muoviamo non é caratterizzato solo da un’interminabile serie di vuoti (linguistici, valoriali, organizzativi) ma anche e soprattutto da un livello di saturazione (“l’abbagliante luce prodotta dalla modernità”, così come la descrive Huberman [1]) che opprime e che disorienta.

Lo sguardo altrove…tra giovani, lavoro e futuro

In Ponti di vista on febbraio 17, 2017 at 9:59 am

airport-1890943_1920

(articolo pubblicato all’interno del blog ImpactBlog, curato da Impact Hub Trentino sull’edizione online del quotidiano l’Adige)

Quando abbiamo immaginato di presentare il documentario “Capitali italiani” – un interessante campionario di racconti di vita di chi viene definito expat o peggio “cervello in fuga” – eravamo nel pieno della polemica politica e mediatica collegata alle dichiarazioni del Ministro del Lavoro Poletti sui giovani che – a suo parere – “è meglio non avere tra i piedi”. Un fuoco di fila di lettere indignate, di editoriali che chiedevano le scuse (necessarie) e le dimissioni (forse altrettanto necessarie), tweet che accusavano una classe politica ritenuta colpevole e incapace. A distanza di qualche mese – nel tentativo di produrre un breve report della proiezione avvenuta presso Impact Hub – sono i dati sulla disoccupazione giovanile (oltre il 40% in Italia) e la lettera scritta prima del suicidio, piena di amarezza e frustrazione, di Michele – un trentenne precario –  a tenere banco. Si è quindi rimessa in moto puntuale la discussione che, giocando con una sintetica tag list, ruota attorno a #giovani, #lavoro e #futuro.

Mens in urbe. Perché parlare di città.

In Ponti di vista on febbraio 8, 2017 at 8:53 am

crowd-1209895_1920Questo testo è la composizione – riveduta ma non del tutto corretta e curata, quindi parziale – di una serie di appunti utili al mio intervento durante la prima puntata di Mens in Urbe, format radiofonico ospitato dall’emittente Radio Trentino in Blu.
In onda ogni venerdì dalle 10.35. 
Dal sito sono scaricabili i podcast delle puntate precedenti.
Qui quella d’apertura, dello scorso 3 febbraio.

Richard Sennett è uno degli studiosi contemporanei più attenti e curiosi all’analisi dei fenomeni sociali. Il suo sguardo da anni si posa anche sulle forme mutevoli delle città, cui ha dedicato diverse ricerche e interventi pubblici. Nei prossimi mesi è prevista la pubblicazione di un volume che completerà la fortunata trilogia iniziata con “L’uomo artigiano” e proseguita con “Insieme”, con l’intento di leggere con la dovuta profondità i contesti urbani e le loro trasformazioni. L’idea di fondo che Sennett sostiene è quella della necessità di intendere le città come sistemi aperti (i muri e l’esclusione, la chiusura nei confronti dell’esterno e dell’altro sono pura illusione) e di lavorare sui bordi (intesi come membrane permeabili e non come barriere impenetrabili) “tra le varie comunità, in modo da creare, per così dire, dei confini porosi e permeabili. Forma incompleta. La forma incompleta incarna un credo creativo.